Vincenzo Bolia (Albenga, 1951), giornalista sportivo e poeta, vive in Liguria. È direttore responsabile del quotidiano telematico di informazione ‘Liguria 2000 News’ e collabora (dal marzo 2002) con ‘Settimana Sport/Sportmedia’ e ‘Il Secolo XIX’ di Genova. Cultore del dialetto ligure, in particolare di quello albenganese, è stato nel 1978 socio fondatore dell’Associazione ‘Vecchia Albenga’. Ha pubblicato i libri di poesia in lingua e dialetto Fantasie e Realtà (Editore Gabrieli, Roma, 1978), Dedicate a Te (Symbol Ed., Alassio, 1987), Pensieri… parole (Editrice Montedit, Melegnano, 2009), Liguria, mé tèra (Vitale Edizioni, Sanremo, 2009), Pensceŗi… paŗolle (Editrice Montedit, Melegnano, 2010), Poêxîe in zenéize de Zêna (Nuova Editrice Genovese, Genova, 2010), Liguria e altre poesie nel dialetto ligure di Albenga (Nuova Editrice Genovese, Genova, 2010) e suoi testi poetici sono presenti in accreditate antologie. Primi premi letterari conseguiti: 2006, “Ottavio Nipoti – Città di Ferrera Erbognone”; 2010, “Poetando con i Del Carretto” (caARTEiv, Comune di Millesimo); 2010, “Il velo di Iside” (Zeroconfini, Comune di Finale Ligure); 2010, “Coriandoli dell’anima” (Il Corimbo, Comune di Genova).

LIGURIA
Curunà de munti
e abbràsa au tò mà,
scavà de sà e de là
da caprìssiuse sc-ciümèŗe,
patria de l’uŗivu
e du sé ventusu,
Ligùria, mé tèra,
cun ti l’invèrnu
l’é cumme primaveŗa.

TÈRA DE LIGURIA
Amabili colle,
ripidi pendii
disegnèi a arte,
labirinti de pria a seccu
che i se intressàn,
cà de uŗivi seculari
ceghèi da u vèntu.
Antiga tèra tèrassà,
incuntru tra a natüŗa e l’ommu,
affacciâ in scé u ligusticu mà.

FASSCE
Prie
campèi a üna a üna
e pussèi lì
da man d’artista
quaji pè in zeugu
che peŗò u sà de pan.
Tèra
sc-ciancà a-a colla,
tèra di mei veggi,
rubà a-a natüŗa,
cumme ti poi
nu capîne ti?

ALBINGANA
Strade,
caruggi che i se intressàn
in t’in labirintu,
maestuse tûri,
patrissi palassi.
U battisteŗu antigu,
e geje de San Miché e de Santa Maria,
da seculi affianchèi.
Sittè magnifica
de müŗaïe cunturnà in tèmpu,
Albingana,
relicchia d’in nobile passau.

LÀ NU GHE SAŖÒ
Quandu nu ghe saŗò ciǜ
nu sèrcheme
a rèmbu a mé tumba,
là nu ghe saŗò.
Me truveŗèi invece
in ti euggi de me fïu,
e in te quèlli de sò fïu,
in ti mèi pensceŗi,
in te me puesie.

(Poesie nel dialetto ligure di Albenga)

Annunci