MARTEDI’ 16 DICEMBRE al Gruppo di Lettura presso la Biblioteca Servitana eravamo in 10 e sono stati presentati i seguenti testi:

Seneca, De brevitate vitae (Domenico Micillo);

Ryszard Kapuscinski, L’altro (Maria Cristina Ferraro);

Susan Vreeland, Ritratti d’artista (Raffaella Silvestrini);

Lorenzo Garaventa, Dialogo con l’ombra (Vivi Marchese);

Raimonda Lanza di Trabia – Ottavia Casagrande, Mi toccherà ballare (Gabriella Zurli);

Giuseppe Antonio Borghese, Rubé (Rosanna Marcenaro);

Francesco Calvo, Cercare l’uomo (Rosa Elisa Giangoia);

Stefano Zuffi, Lo specchio infranto (Laura Monego).

 

Per gli auguri natalizi Rosa Elisa Giangoia ha letto la poesia 25 Dicembre, Natale di Silvia Comoglio.

La prossima riunione sarà MARTEDI’ 20 GENNAIO 2015 sempre alle ore 16,30 presso la Biblioteca Servitana di via Baroni a Genova.

 

Verrua Savoia, 14.12.2014

Rosa Elisa carissima,

la lettura del tuo La vita restante mi ha fatto venire in mente questi versi di Ferdinando Pessoa:

“Ci sono giornate che sono filosofie,

che ci suggeriscono interpretazioni della vita,

che sono appunti a margine, pieni di altra critica,

nel libro del nostro destino universale.

Questa è una di quelle giornate, lo sento.”

 Ecco, si tratta solo di sostituire alla parola “giornate” la parola “libri”. Il tuo libro, Rosa Elisa, è così, è uno di quei libri che sanno suggerire interpretazioni della vita, che ne ampliano la prospettiva,  che colgono la profondità del destino (di Salvatore, il tuo) per dilatarlo e farlo universale. L’io, il tuo io, sa distendersi sempre con pienezza per attraversare luoghi dell’anima memoria ed eventi e offrirceli in una luce forte e intensa, e soprattutto così cristallina da consentirci di riconoscerci ed identificarci in quella luce. Succede, questo, con il viaggio di Salî che perde a poco poco la sua connotazione socio-storica e personale per farsi universale e condivisibile. L’io di Salî che continuamente si disintegra/integra è il nostro io, il nostro complesso rapporto di equilibri sempre in bilico, sempre in lotta, sempre alla ricerca di. E poi succede nelle altre sezioni del tuo libro dove il tuo io servendosi della parola, e essendo esso stesso parola, continuamente si rivela, un rivelarsi che certamente  è un portare alla luce e far affiorare, ma è anche un ri-velare, un velare di nuovo per chiamare ancora una volta in causa il lettore e metterlo di fronte a se stesso, alla sua storia e quotidianità: quello che voglio dire è che la tua anima e la tua storia personale inizialmente sono la tua anima e la tua storia personale ma arrivano poi a farsi e darsi come universalità. Nelle tue parole, parole che sempre si impegnano a fondare e a mirare al vero, ecco, in queste parole i tuoi affetti, i tuoi luoghi, la tua vita e memoria incarnano affetti luoghi  vita e memoria che non appartengono più soltanto a te ma a noi tutti. E di questo, Rosa Elisa, ti ringrazio molto, ti ringrazio per La vita restante, per questo tuo “volo di scintille d’oro”.

Non so se tu ti riconosci in quanto ho detto del tuo La vita restante, è così però che io l’ho sentito.

Grazie ancora, Rosa Elisa, per questo tuo dono,

un caro saluto e a presto,

Silvia Comoglio

 

da Rosa Elisa Giangoia, La vita restante, Deferrari Editore, Genova 2014

traduzione inglese di Benito Poggio

 

Parentum memoria                                      Parents’ Memory

Mio padre e mia madre                                   My father and my mother

seduti sul masso nel bosco                             Sitting on a rock in the wood

sono solo più una fotografia                           Are but a photo

in fondo ad un cassetto.                                  At the rear of a drawer.

Ora che il tempo per voi                                  Now that, for you, time

non esiste più,                                                   Never exists

al di là dei giorni, dei mesi, degli anni,        Beyond days, months, years,

ora che voi sapete tutto                                   Now that everything you do know

di me, di voi, degli altri,                                  About myself, about yourselves,

                                                                                             [about other people,

casualmente senza urgenza                            By chance with no further delay

e senza ragioni                                                  And with no excuses

possiamo incontrarci nel sogno.                   We can meet in the land of dreams.

Un’orfica smisurata                                         Down the depths of silence

distesa bianca d’asfodeli                                 A mysterious unbounded

in un abisso di silenzio                                    White sward of asphodels

ci separa                                                             Does keep us apart

nell’immensità del rimpianto.                       In the regret’s vastness.

Ci si può ancora parlare,                                 We may still talk to each other,

in un linguaggio tutto nostro:                        In a language belonging only to us:

serve per resistere                                            It is used for enduring

nella speranza,                                                  On hope,

senza troppo soffrire.                                       Without a great sorrow.

 

Ai miei genitori                                           To My Parents

Le parole che non vi ho detto                       The words I haven’t told you

non si sono perse                                            Didn’t get lost

nel tempo che mi è mancato.                      Through the time I was short of.

Sono rimaste assetate                                   Thirsty, they are left

nella brocca vuota:                                        In the empty ewer:

il tempo distratto                                          The misappropriate time

ci ha tradito.                                                   Has deceived us.

Le parole che non vi ho detto                     The words I haven’t told you

stanno qui ad aspettarvi,                            For you are here waiting,

sul bordo dell’anima,                                   On the rim of the soul,

custodite dall’amore.                                   Guarded by love.

C’incontreremo                                            We will meet

per riannodare i fili spezzati                      To tie the broken threads again

e per tessere le trame interrotte;               And to weave the interrupted plans;

recuperemo le verità taciute,                     We will get the silenced truths back,

con le parole                                                  Through the words

rimaste nella brocca,                                   Left in the ewer,

senza avvizzire.                                             Without becoming obsolete.

 

Felicità inevasa                                        Happiness Oustanding

Mi perseguita questo rimorso                     Does haunt me that pang of conscience

di una felicità inevasa                                   For the happiness outstanding

fino al fondo delle cose                                 Right to the bottom of the things

nella complicità del buio                              In the connivance of the darkness

di un giardino deserto sul mare                  Over a deserted garden on the sea

quando agosto fiammeggiava                     When in August it was shining

nel fiore violento dell’ibisco.                       In the violent bloom of hibiscus.

Il ricordo si allontana                                   The recollection does fade

sulla lama del tempo                                    Along  the straight seam of time

per tornare ogni volta                                  To start being every time

più forte.                                                         Stronger.

Non è un dono                                               It isn’t a talent

Questo                                                            That one

come gli altri ricordi                                    Like the other recollections

intarsiati di sogni                                         Studded with dreams

accarezzati nella memoria.                        Fondled in the memory.

È un peso                                                       It’s a load

siglato dal nulla                                            Signed by the nil

dei sentieri di vita non percorsi                 Of life’s paths not run through

quando l’evidenza dell’esistere                   When the existence’s clearness

sembra farsi enigma di se stesso.               Does seem growing of itself mystery.

invito (2)

 

GIOVEDI’ 4 Dicembre ore 16

BIBLIOTECA SERVITANA

Via Baroni – Genova

Gruppo ANTICA FOCE

Presentazione del blog http://anticafoce.blogspot.it/

 

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

MARTEDI’ 16 DICEMBRE ore 16,30

BIBLIOTECA SERVITA

Via Baroni – Genova

GRUPPO di LETTURA

e scambio degli auguri natalizi

Esposizione di fotografie natalizie di Paola Carroli e Simonetta Demuro

 

 

libro (2) di Luigi Martellini

Mi giunge l’ultima raccolta di versi di Rosa Elisa Giangoia intitolata La vita restante (Genova, De Ferrari, 2014). Nonostante la sua vena narrativa (ricordo i suoi romanzi e i racconti), quella della poesia appare una scelta e una frequentazione capaci di dare voce a quella che potrebbe essere definita, penso, una vocazione segreta, intima, che meglio permette all’autrice di argomentare sull’esistenza. E di questa esistenza-vita la Giangoia ci consegna, ora, ciò che (per lei) resta, quasi fosse una sorta di bilancio (provvisorio o definitivo?) dal momento che molte “cose” se ne sono andate, partite, allontanate e lo spazio di un tempo perduto aumenta a discapito di un tempo che rimane e che è, se misurato, leopardianamente sempre più esiguo e ristretto. L’unica possibilità è forse un colloquio con ciò che stato, se non addirittura con ciò che, gozzanianamente, poteva essere e non è stato.

Ma restare significa anche fermarsi un attimo, trattenersi un momento, rimanere ad attendere, perché il tempo non scompaia definitivamente. Lo si può fare attraverso la memoria: “Tutto, tutto, tutto è memoria”, diceva Ungaretti e solo così si riesce a percepire quel “sentimento del tempo” di cui il poeta molto ha scritto che altro non era che il “sentimento della morte”. Ricordare, così, recuperare le assenze del tempo equivale ad un ritorno alle origini, a rimettere in vita ciò che non c’è più, a ritrovare l’innocenza perduta, rianimare di presenze le irrimediabili assenze.

Tutto assume allora un significato diverso, fin dalla prima sezione del volumetto. Dietro la figura dell’emigrante, al quale è legato il contenuto del poemetto d’apertura, Leggi il seguito di questo post »

margherita (2)   Luigi Martellini

“Il volto di Margherita di Brabante fu per me, nell’infanzia, la rivelazione della bellezza nell’arte.  Avevo nove anni, quando vidi per la prima volta la ricostruzione del monumento funebre che Giovanni Pisano aveva scolpito per lei, nelle sale del Palazzo Bianco a Genova, dove mio padre mi aveva portato una domenica mattina. Incontrare il suo luminoso ed intenso sguardo di marmo mi aprì alla comprensione che, al di là della bellezza delle persone, di quella dei paesaggi e dei fiori, c’era la bellezza della creazione artistica. Il suo sguardo mi fece uscire dall’infanzia e mi arricchì di una nuova consapevolezza, che andò via via crescendo, per cui negli anni tornai tante volte ancora a Palazzo Bianco a rivedere quel gruppo marmoreo, e poi al Museo di Sant’Agostino, dove, negli anni Settanta del Novecento, trovò definitiva sistemazione”.

Con questo incipit Rosa Elisa Giangoia, poetessa genovese caratterizzata da un forte sentimento religioso, introduce il suo recente volumetto intitolato Margaritae Animae Ascensio (L’ascensione dell’anima di Margherita), uscito nella collana delle Edizioni Nemapress, Alghero-Roma, 2014. Di questa donna del Medioevo, Leggi il seguito di questo post »

A Mariangela De Togni è stato assegnato il Primo Premio per la silloge Frammenti di sale al Concorso Internazionale Città di Arona

 

 

 

 

Arona motivazione 001 (2)

 

 

Targa Arona 001 (2)

Il nostro socio Mario PEPE ha vinto la XXX edizione (2014) del Premio Internazionale “Letteratura” poesia, narrativa, saggistica promosso dall’Istituto Italiano di Cultura di Napoli con la raccolta edita di poesia

Formato nuvola

http://www.satura.it/eventi/911/FORMATO-NUVOLA.html

 La cerimonia di premiazione si terrà domenica 7 dicembre 2014, alle ore 17, nella sala “Gabriele D’Annunzio” dell’Istituto Italiano di Cultura di Napoli, in via Bernardo Cavallino, 89 (“la Cittadella”) a Napoli.

A Mario Pepe i nostri più vivi complimenti e rallegramenti.

MARTEDI’ 18 NOVEMBRE al GRUPPO di LETTURA presso la BIBLIOTECA SERVITANA eravamo in 7 e sono stati presentati i seguenti libri o parti di essi:

Giorgio Caproni, Il labirinto (Laura Monego);

Sélim Sayegh, Giordania. Guida del pellegrino (Rosa Elisa Giangoia);

Mirco Oriati – Rossana Rizzuto, Un’idea di mare (Carlo Borasi);

Francesco Antinucci, Spezie (Raffaella Silvestrini);

Massimo Minella, 1914 L’esposizione internazionale di Genova (Giorgio Olivari).

Il prossimo incontro sarà MARTEDI’ 16 DICEMBRE alle ore 16.30 sempre presso la BIBLIOTECA SERVITANA – via Baroni – Genova

GIOVEDÌ 6 Novembre ore 16

Biblioteca Servitana – via Baroni

Gruppo ANTICA FOCE

 

 MARTEDÌ 18 Novembre ore 16.30

Biblioteca Servitana – Via Baroni

GRUPPO di LETTURA

 

SABATO 22 Novembre ore 17

Libreria Finisterre

Piazza Truogoli di Santa Brigida

Giangi SAINATO – chitarrista eclettico

presenta il suo nuovo album

2MONDI

 

MARTEDÌ 25 ore 17

Palazzo della Provincia – Sala di Minoranza

Largo E. Lanfranco, 1

TI RICORDI LA GRANDE GUERRA?

Francesco De Nicola, Gli scrittori italiani e la Grande Guerra

Bruno Rombi, I romanzi di Carlo Pastorino
Rosanna Marcenaro, L’alcova d’acciaio di Filippo Tommaso Marinetti
Piera Bruno, Fanti in trincea di Luca De Regibus

Letture a cura di Giovanni Cadili Rispi e di Bruno Rombi
Coordinamento di Maria Cristina Castellani

 

GIOVEDÌ 27 Novembre ore 17

Palazzo della Provincia – Sala di Minoranza

Largo E. Lanfranco, 1

TI RICORDI LA GRANDE GUERRA?

Rosa Elisa Giangoia, Parole delle donne sulla Grande Guerra
Maria Cristina Castellani e Giovanni Cadili Rispi, Ricordando Arturo Zardini
Giancarlo Militello, I canti della Grande Guerra
Goffredo D’Aste, La guerra sul mare di Vittorio G. Rossi

Letture a cura di Giovanni Cadili Rispi
Coordinamento di Maria Cristina Castellani

 

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.